||| Mylicon/En ||| bio ||| installazioni ||| video ||| CD e DVD |||
live media

| TIVÚ D`INNER |

Esperimento di vjing domestico che sfrutta la logica casuale dello zapping televisivo come generatore caleidoscopico.
La texture visiva viene manipolata dal vivo e agli spettatori è offerta una doppia visione: il risultato spettacolare stesso e l`azione che lo determina.
Un flusso di immagini astratte viene prodotto da alcune semplici azioni, attraverso l`utilizzo di una videocamera e di alcuni oggetti di uso comune.
Ad illuminare e far da sfondo al gioco degli oggetti un televisore acceso.
La parte sonora prevede l`utilizzo di frammenti melodici preregistrati rielaborati e miscelati con alcuni dei rumori prodotti durante l`azione stessa.

| DARK STAR |

DARK STAR è un progetto dedicato all'esordio cinematografico di John Carpenter.
Il film di Carpenter è un omaggio e una risposta, a basso costo e molto artigianale, a 2001 di Kubrick. Girato da un Carpenter ancora studente nella sua stanza al college con solo 4 attori, uno dei quali è Dan O'Bannon che collabora anche alla sceneggiatura.
Effetti speciali artigianali e soluzioni narrative bizzarre per raccontare un viaggio nello spazio ma soprattutto per riflettere sulla relazione tra l'uomo e la tecnologia.
Mylicon/En ama muoversi sullo stesso piano: paesaggi astratti, lisergici o lunari, rarefatti o saturi e concitati, creati con effetti del tutto artigianali e con pochi oggetti di uso comune e senza l'utilizzo di laptop o video mixer.

.

| PUT DOWN THE GUN |

Micronarrazioni e suggestioni figurative in un lavoro che cerca una ulteriore interazione tra audio e video.
All`interno del percorso di Mylicon/EN, in cui gioca un importante ruolo il contrasto di interazione tra una immagine creata con dispositivi del tutto analogici e il suono elettro/digitale gestito via laptop o sintetizzatore, questo nuovo lavoro arricchisce il suono nel gioco manuale e grazie a microfoni a contatto diventa sincrono e concreto.
Accanto ad un repertorio di oggetti, referenze iconografiche e fotografiche, un piccolo universo di “innocui” soldatini giocattolo. Corpo, armi e abbigliamento in una unica colata di plastica: un`unica sostanza, le granate nella carne e i fucili saldati alle ossa, ci nutriamo di ricordi e nostalgia per un periodo che sapeva meglio celare i suoi conflitti.

still dal live set a Lille

| GRADO ZERO |

Grado Zero è una evoluzione del primo progetto e segna il passaggio dalla casualità dello zapping televisivo alle immagini preregistrate di catastrofi preannunciate.
Questo progetto si sviluppa attorno ad immagini di conflitto e di insicurezza diffusa del nuovo millennio.
Filtrare le immagini dei media e rielaborandone voci e rumori per tentare di contrastare l`estetica della distruzione, attraverso un`azione che pone una distanza tra lo sguardo e la visione/ascolto.

| HBE |

HBE (Human Body Encyclopedia) è il risultato di un approccio poco scientifico alla sistematizzazione della conoscenza.
Spingendosi dalle parti di Diderot e D'Alembert il duo ripercorre tuttavia le tracce e le pretenziose ambizioni di Bouvard e P├ęcuchet. Suoni e immagini estratti da documentari didattici vengono manipolati e rimontati creando un flusso di parole, suoni e forme che prendono un nuovo significato ironico ed inquietante allo stesso tempo.


| HBS (Human Body System) |

Progetto nato dall''incontro tra Domenico Sciajno e Mylicon/EN.
Domenico Sciajno esplora da anni le possibilità date dall'uso del computer e dell'elettronica sia nello specifico ambito musicale sia in quello visivo-performativo. Partecipa regolarmente come esecutore o compositore a diverse manifestazioni europee.
L'idea base del progetto è integrare due linee di ricerca e due percorsi fin qui differenti. Visivamente il recupero di sorgenti analogiche e le peculiarità esecutive del duo Mylicon/EN si confrontano con le possibilità dell'elaborazione digitale.
Grazie alla apparente complessità di una proiezione multipla le immagini si dilatano, si contraggono o si frammentano in un gioco di relazioni e rimandi tra due diversi schermi e due diverse concezioni che creano a loro volta una relazione simbiotica con il suono prodotto e la sua spazializzazione.

|